capo leader

Per leadership si intende la relazione di influenza che si instaura tra un leader e i propri dipendenti con l’intento di ottenere cambiamenti reali e di riflettere il loro scopo comune.

Dunque si può dire che:

  • la leadership non è un atto o un insieme di atti, ma un processo;
  • la leadership non significa soltanto influenzare, ma implica anche l’influenza sugli altri attraverso di essa. Mentre tra leadership e dipendenti si manifesta un’influenza reciproca, insieme possono invece influenzare l’ambiente che li circonda;
  • andando oltre gli obiettivi, la leadership ha una sua causa o un suo scopo abbastanza ampio da generare una visione comune nei dipendenti che hanno un obiettivo individuale diverso.  

Ci sono differenti stili di leadership all’interno degli ambienti di lavoro, e ognuno di questi stili ha i suoi vantaggi e svantaggi. Alcune aziende offrono il medesimo stile di leadership, mentre altre ne perseguitano di diversi a seconda del compito da svolgere. 

In generale, si può dire che cultura e obiettivi sono il motore che genera la tipologia di leadership che più si adatta all’azienda. 

Leggi anche:

Leadership con stile autoritario

Tra gli stili di leadership, particolare rilevanza ha lo stile autoritario o autocratico, con il quale un individuo prende decisioni sui suoi subordinati in modo totale e assoluto. 

Le sue decisioni riguardano l’aspetto politico e procedurale e gli obiettivi aziendali comuni senza nessun input da parte dei membri del suo team o dei dipendenti della sua azienda. 

Le caratteristiche principali di una leadership autoritaria sono:

  • prende decisioni senza interpellare o considerare l’input creativo da parte dei suoi subordinati;
  • presiede in modo indipendente le politiche e i processi aziendali;
  • supervisiona direttamente i membri del proprio staff. 

Questo stile di leadership è particolarmente funzionale nelle società e nelle aziende in cui le decisioni devono essere prese con estrema urgenza ed elevata efficienza. In quest’ambito, i compiti devono essere eseguiti in modo specifico e senza errori. 

Inoltre, un capo autoritario previene la possibilità che determinati progetti siano accantonati a causa della mancanza di organizzazione, consentendo in questo modo ai membri del team di concentrarsi soltanto su compiti specifici essendo esentati dalla partecipazione al processo decisionale. 

Tuttavia, la leadership autoritaria è carente in alcuni aspetti. 

Utilizzare in modo eccessivo tale stile può trasformare la leadership in una figura poco amata, prepotente ed eccessivamente autarchica. Ciò potrebbe portare i membri del gruppo a reagire in modo aggressivo o a generare da parte loro molto risentimento.

La leadership autoritaria diventa molto preziosa quando deve formare o regolare il personale privo della necessaria esperienza e capacità.

Approfondisci: Mentalità vincente, come accrescere il mindset imprenditoriale e del team

leadership

Leadership con stile democratico

Tra gli altri stili di leadership c’è anche lo stile democratico, che è l’esatto contrario di quello autoritario.

Durante il processo decisionale, una leadership democratica accoglie il contributo dei dipendenti e li incoraggia a fare del loro meglio. Inoltre, una leadership che gestisce i lavoratori deve dire loro esattamente come completare i processi quotidiani lavorativi.

Se questi due stili vengono combinati, si crea lo stile di leadership democratico direttivo, in cui il leader ottiene da parte dei lavoratori l’input durante il processo decisionale, ma poi si prodiga a supervisionare molto da vicino il lavoro da loro svolto in modo da assicurarsi che venga completato nel modo giusto. 

Potrebbe interessarti anche: Carisma e Leadership, qual è la differenza

Leadership con stile permissivo

Invece, una leadership permissiva offre ai lavoratori una enorme flessibilità sul posto di lavoro, lasciando loro spazio nella scelta dei migliori modi per portare avanti quotidianamente i processi lavorativi.

La combinazione dei tre stili di leadership può essere effettuata soltanto se i dipendenti sono particolarmente motivati e in grado di monitorare autonomamente i processi di lavoro. 

Inoltre, è in grado di suscitare nei lavoratori qualificati enormi input, ottenendo in questo modo soluzioni e idee altamente innovative.

Leggi anche: Cos’è la Leadership Trasformazionale

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

uno × 4 =