Delocalizzazione: vantaggi e svantaggi per le aziende

Per delocalizzazione si intende il trasferimento del processo produttivo, o di alcune delle sue fasi, in aree geografiche o Paesi diversi. Il motivo principale è quello di ottenere degli evidenti vantaggi competitivi. 

Tali vantaggi potrebbero essere di diversa natura. Quello più rilevante è il minore costo dei fattori produttivi, in particolar modo quello della manodopera. 

Poi ci sono delle irrinunciabili agevolazioni, come quelle connesse agli incentivi che alcuni governi nazionali o locali decidono di inserire nelle loro politiche economiche per attirare investimenti esteri. 

Delocalizzare potrebbe anche essere una precisa strategia di web marketing, la cui motivazione nascerebbe dall’opportunità che offrono i mercati più ampi o dinamici, oppure quella di un migliore accesso alle reti di fornitura. 

A livello di processo produttivo, la delocalizzazione rompe gli schemi tradizionali, che raggruppano ogni fase della produzione in un solo luogo, e li amplifica strizzando l’occhio alla globalizzazione. 

In tema produttività aziendale, ti potrebbero interessare:

Vantaggi per l’azienda

Quali vantaggi offre la delocalizzazione a un’azienda? Diversi. Innanzitutto, scegliere la posizione è fondamentale. Tasso di criminalità, dati socio demografici e tassi di occupazione possono influenzare enormemente l’attività aziendale. 

Ecco cosa verificare prima di scegliere l’area di destinazione:

  • l’esistenza di strutture di trasporto adeguate;
  • la presenza di aree commerciali in forte espansione. 

Un vantaggio della delocalizzazione è quello di aumentare i clienti, attirare fornitori e nuovi talenti all’interno dell’azienda. Molto spesso, le attività si trasferiscono in una nuova sede oppure trasferiscono una parte della produzione nel momento in cui le vendite di un prodotto diminuiscono (approfondisci anche “Come aumentare le vendite“). Il motivo di tale decisione è la fascia demografica standard, che potrebbe rispondere notevolmente meglio in un’altra area. In questo caso, il trasferimento ha un suo perché. 

Delocalizzare l’attività o una parte di essa potrebbe fornire un migliore accesso a un ampio pool di talenti. Ad esempio, molte aziende tecnologiche si trasferiscono nelle zone dove sono presenti strutture universitarie importanti e che potrebbero garantire loro l’apporto di laureandi di indubbio valore. 

Poi c’è l’aspetto della riduzione degli sprechi e dei costi operativi. Delocalizzarsi altrove potrebbe in effetti portare degli indubbi benefici a livello economico. Ci sono diverse attività che si delocalizzano in un’altra area geografica o in un’altra Nazione poiché le spese di gestione possono essere minori. 

Tuttavia, scegliere il posto più economico potrebbe diventare la classica spada di Damocle, quindi è opportuno che un’azienda valuti attentamente quest’importante scelta. 

delocalizzazione aziendale

Svantaggi per l’azienda

Come ogni aspetto della vita, a indubbi vantaggi corrispondo alcuni svantaggi che bisogna sempre valutare. Per quanto riguarda la delocalizzazione, l’interruzione della produzione è sicuramente uno dei maggiori svantaggi. 

Spostare l’intera attività, l’intero ciclo produttivo o una parte di esso altrove significa dare vita a un periodo di inattività, le cui conseguenze potrebbero essere irrilevanti ma anche devastanti. 

Ogni spostamento, di qualunque tipologia sia, comporta un certo tempo per essere completato, oltre che molta fatica e un dispendio di risorse economiche non indifferente. 

Una soluzione a tale problematica potrebbe essere continuare a operare nelle due aree durante la fase di transizione. Dal punto di vista della produzione, sarebbe un ottimo modo per evitare che questa si fermi. 

Poi ci sono le eventuali spese di trasloco, poiché ci sono molte attività secondarie associate alla delocalizzazione. Ad esempio, se ci sono macchinari di una certa grandezza da spostare, i costi potrebbero lievitare e non poco, ma anche nel caso in cui bisogna spostare una parte degli uffici (leggi anche “Come organizzare l’ufficio“). 

Delocalizzare potrebbe anche significare perdere la base di clienti esistenti, soprattutto se l’attività si trasferisce in un’altra nazione. Però, a questo problema si potrebbe ovviare incoraggiandoli a continuare a fare affari con l’azienda, magari offrendo loro degli sconti o offerte varie da utilizzare negli acquisti online. 

Insomma, delocalizzare l’attività in un’altra area è una decisione di non poco conto. Ci sono tanti aspetti da considerare, che vanno oltre quelli prettamente logistici ed economici.

Contenuti dell'articolo

Senti un limite alla crescita del tuo business?
SUPERALO con noi e ottieni l'azienda che hai sempre sognato!
Scopri come fare

Scopri il metodo BCI

Possiamo costruire un programma
di coaching su misura per la tua azienda

Possiamo costruire un programma di coaching su misura per la tua azienda

Abbiamo fondato il metodo sui principi dell’Autoefficacia perché offrono risultati concreti e scientificamente misurabili. Al coaching basato sull’Autoefficacia abbiamo unito la consulenza 1-1.

Ti potrebbe interessare anche...

Argomenti del BLOG