ruoli e mansioni differenze e come assegnarli

Un’efficiente organizzazione delle risorse interne determina il successo di un’impresa nel mercato, è bene dunque definire ruoli e mansioni aziendali in maniera chiara. Ad ogni risorsa, operante nell’impresa, va affidato un compito e vanno assegnate delle responsabilità per raggiungere degli obiettivi aziendali comuni. 

Differenza tra ruolo e mansione

Per comprendere cosa sono i ruoli aziendali partiamo dal significato di azienda. Un’azienda è un gruppo di persone che cooperano per raggiungere obiettivi comuni.

Dalla definizione di azienda è chiaro che la coordinazione di tutte le figure che vi lavorano è fondamentale, così come è importante definire i compiti che ogni professionalità deve esplicare. Il modo in cui un compito aziendale viene svolto definisce il ruolo aziendale; la mansione invece è il compito stesso. Per intenderci ancora meglio, i ruoli sono le diverse posizioni aziendali mentre le mansioni sono i compiti da assolvere

Assegnare ruoli e mansioni aziendali

All’inizio abbiamo specificato che per raggiungere gli obiettivi d’impresa e perseguire la crescita, bisogna distinguere bene i ruoli delle varie professionalità al suo interno. Ogni risorsa deve avere un ruolo definito ma allo stesso tempo deve cooperare con le altre figure professionali per raggiungere gli obiettivi aziendali. Dividere ruoli e compiti delimita il raggio d’azione di ogni figura e garantisce una maggiore produttività perché ognuno fa solo il lavoro che compete al suo ruolo e per il quale è qualificato, evitando la sovrapposizione di ruoli. Assegnare i ruoli al personale non è un’operazione da sottovalutare anzi, bisogna tenere in considerazione e saper valutare elementi importanti come le qualifiche e le competenze di ogni singola risorsa

Approfondisci: Come organizzare il personale

Il mansionario aziendale

Per definire correttamente ruoli e mansioni dei dipendenti, esiste un documento che è il mansionario aziendale o job description. Il mansionario descrive il lavoro di ogni figura professionale all’interno di un’azienda e ne elenca i compiti da svolgere. Per ogni ruolo aziendale, il mansionario descrive le competenze, i requisiti, le funzioni, i compiti, le responsabilità e, in alcuni casi, anche la fascia di retribuzione. Oggi però il mansionario risulta uno strumento superato, in quanto molte aziende sono alla ricerca di profili professionali versatili in grado di ricoprire ruoli differenti e svolgere più mansioni. 

La gestione aziendale

I dirigenti aziendali si occupano anche dell’assegnazione dei ruoli e delle mansioni oltre alla gestione dell’impresa. 

Per gestione d’impresa si intende l’insieme di tutte quelle operazioni volte al raggiungimento degli obiettivi aziendali. La gestione si può intendere in ottica soggettiva e in ottica oggettiva. Nell’aspetto soggettivo, la gestione implica una serie di decisioni da prendere e controlli da eseguire con periodicità. Nell’aspetto oggettivo, la gestione d’impresa implica fasi cruciali per la vita aziendale come il reperimento delle risorse finanziarie, gli investimenti, l’organizzazione della produzione o il disinvestimento. 

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × quattro =