rendiconto-finanziario-metodo-diretto-e-metodo-indiretto

Un rendiconto finanziario è uno schema utilizzato in azienda per gestire le finanze monitorando il flusso di cassa

Il rendiconto, insieme al conto economico e lo stato patrimoniale, aiuta a determinare la performance di un’azienda. Di solito è utile per prevedere i flussi di cassa in modo da consentire la pianificazione a breve termine.

Il rendiconto finanziario mostra la fonte di denaro e aiuta a monitorare sia quello in entrata che in uscita. Il denaro in entrata proviene da attività operative, attività di investimento e attività finanziarie. 

Inoltre informa anche sui deflussi di cassa, sulle spese pagate per le attività commerciali e sugli investimenti in un determinato momento. Le informazioni che si ottengono dal rendiconto economico finanziario sono utili alla direzione per prendere decisioni informative ad appannaggio della regolamentazione delle operazioni aziendali.

Un’azienda generalmente mira al flusso di cassa positivo per le operazioni commerciali, in assenza del quale potrebbe dover prendere in prestito denaro per mandare avanti l’attività.

In tema flussi di cassa approfondisci:

Schema a metodo diretto

Il rendiconto finanziario presentato utilizzando il metodo diretto è di facile lettura perché elenca tutti i principali incassi e pagamenti operativi per fonte. In altre parole, elenca da dove provengono gli afflussi di cassa (di solito dai clienti) e dove vanno a finire le uscite (in genere dipendenti, fornitori, ecc..)

Dopo aver elencato tutte le fonti, il totale dei pagamenti in contanti vengono sottratti dagli incassi per calcolare il flusso di cassa netto dalle attività operative. Di conseguenza, le attività di investimento e finanziamento sommate per arrivare alla liquidità netta aumentano o diminuiscono. 

Il metodo diretto è formato dalle seguenti e più comuni tipologie di incassi e pagamenti: 

  • pagamenti ricevuti da parte dei clienti;
  • pagamenti ai fornitori;
  • pagamenti degli stipendi ai dipendenti;
  • pagamenti di interessi;
  • pagamenti delle imposte sul reddito.

Da ciò si evince che l’elenco di questi pagamenti fornisce una grande quantità di informazioni da dove provengono le entrate e le uscite. Questo è uno dei principali vantaggi del metodo diretto rispetto a quello indiretto. 

Investitori, creditori e dirigenti possono effettivamente vedere da dove l’azienda raccoglie fondi e a chi sta pagando. 

Il problema con questo metodo è che è difficile e richiede tempo. La maggior parte delle aziende non registra e archivia informazioni contabili e transazionali per cliente o fornitore. Gli eventi aziendali vengono registrati con conti economici e patrimoniali, come vendite, materiali e inventario.

Leggi anche: Come investire nella propria azienda

Schema a metodo indiretto

Il rendiconto finanziario redatto con il metodo indiretto adegua l’utile netto alle variazioni dei conti patrimoniali in modo da calcolare la liquidità che derivano dall’attività operativa. 

In altre parole, le variazioni nei conti dell’attivo e del passivo che influiscono sui saldi di cassa durante l’anno vengono aggiunte o sottratte dall’utile netto alla fine del periodo per arrivare al flusso di cassa operativo. Le aziende tendono a preferire la presentazione indiretta a quella diretta perché le informazioni necessarie per creare tale report sono prontamente disponibili. 

In effetti, non è nemmeno necessario accedere al software di contabilità per creare questo rapporto. Tutto ciò che serve è un conto economico comparativo. 

La sezione delle attività operative indirette inizia sempre con l’utile netto del periodo seguito da spese, utili e perdite non monetarie che devono essere sommati o sottratti dall’utile netto. Queste attività non monetarie in genere includono:

  • quota di ammortamento;
  • spese di ammortamento;
  • utili o perdite dalla vendita di attività;
  • perdite da crediti.

Le spese e le perdite non monetarie devono essere sommate e i guadagni devono essere sottratti.

La sezione successiva delle attività operative adegua l’utile netto alle variazioni dei conti patrimoniali che influiscono sulla liquidità. Questi conti in genere includono:

  • crediti;
  • inventario;
  • spese anticipate;
  • crediti verso dipendenti e proprietari.

È qui che la preparazione del metodo indiretto può creare un po’ di confusione. Bisogna pensare a come i cambiamenti in questi rendiconti finanziari influiscono sulla liquidità in modo da identificare in che modo il reddito deve essere regolato. 

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

11 + 2 =