Quando l’azienda sta per fallire

Il fallimento si percepisce, molti, ma non sempre così scontati, sono i segnali che dimostrano che la crisi è arrivata.

L’aria che si respira all’interno di un’azienda che sta per fallire è molto pesante. Non solo il titolare si trova in difficoltà, ma anche i dipendenti , e la loro sorte,  qualora non si riesca ad uscirne. 

La percezione del fallimento è diversa quando si tratta di una piccola impresa e quando invece è una grande impresa.

Nelle piccole realtà aziendali molto spesso il titolare ricopre anche il ruolo di proprietario e amministratore. Poco tempo a disposizione e molta mole di lavoro. Trascura e tralascia sicuramente qualcosa, ed è proprio qua che piccoli dettagli faranno la differenza e molto presto si ritroverà a dover fare i conti con gli aspetti negativi che si palesano in un’azienda che piano piano si avvicina al fallimento.

Situazione diversa, anche se non sempre vera, per grandi imprese dove al loro interno troviamo un professionista pagato per far si che l’azienda funzioni.

In un mondo così frenetico stare al passo con i tempi, essere sempre concorrenziali e predisposti al miglioramento e al cambiamento non è facile.

Questa è una tra le cause che porta al fallimento.

Una soluzione che andrebbe percorsa è non pensare di poter risolvere tutto da soli. Non ci si improvvisa imprenditore, titolare, ragioniere o amministratore.

Le avversità all’interno di un’azienda, se trascurate, sono deleterie.

I segnali che dimostrano che l’azienda sta per fallire 

I costi superano i ricavi 

  • Lavori, lavori, lavori, ma non ci sono entrate positive;
  • I tuoi margini di guadagno sono bassi;
  • Il bilancio aziendale è in perdita o in pareggio;
  • I costi mensili fissi che hai sono troppo alti.

Il fatturato è in calo

  • Molti dei tuoi clienti, sia storici che acquisiti di recente, si sono rivolti ad un’altra azienda;
  • Non hai gli strumenti per farti conoscere sul mercato, sei sprovvisto di nuove idee e nuovi progetti;
  • I concorrenti ti hanno superato, sono stati più bravi di te, e adesso la fetta maggiore di guadagno se la sono presa loro.

Hai debiti con le banche

Per provare a sanare la situazione ti sei rivolto a terzi, sperando che loro ti potessero aiutare, ma non hai liquidità per pagare e ti ritrovi:

  • Con debiti verso terzi;
  • Con debiti verso i tuoi fornitori;
  • Hai completamente perso di credibilità e qualora tu volessi acquistare del materiale da mettere nel tuo magazzino, il tuo fornitore è costretto a chiedere un pagamento anticipato. Ha bisogno di garanzie che tu forse non potrai dare.

Hai processi in corso

  • Se stato citato per mancanze di pagamento;
  • Hai titoli scoperti;
  • Hai ipoteche giudiziare
  • Non hai più garanzie.

Non hai liquidità disponibile

  • Ti affidi alle banche per chiedere in prestito soldi per pagare i dipendenti o i fornitori;
  • Sei in ritardo con tutti i pagamenti;
  • Se il fondo non è di tua proprietà il legittimo titolare pretende i suoi soldi;
  • I tempi di incasso sono troppo diversi e lontani da quelli di pagamento.

Tutti questi segnali indicano che è in corso un fallimento aziendale, ma non sono affidabili al 100%.

Ogni azienda ha la sua storia e il suo trascorso. Non per tutti la crisi si manifesta nello stesso modo.

Cosa certa è che non dobbiamo mai sottovalutare certi aspetti, perché se preso in tempo si può sfuggire dal fallimento, se vengono trascurati, forse, potrebbe essere troppo tardi.

Contenuti dell'articolo

Senti un limite alla crescita del tuo business?
SUPERALO con noi e ottieni l'azienda che hai sempre sognato!
Scopri come fare

Scopri il metodo BCI

Possiamo costruire un programma
di coaching su misura per la tua azienda

Possiamo costruire un programma di coaching su misura per la tua azienda

Abbiamo fondato il metodo sui principi dell’Autoefficacia perché offrono risultati concreti e scientificamente misurabili. Al coaching basato sull’Autoefficacia abbiamo unito la consulenza 1-1.

Ti potrebbe interessare anche...

Argomenti del BLOG