qualificare i clienti
Qualificare i clienti: lead qualificato, lead nurturing, metodo BANT

La presenza online delle aziende oggi è indispensabile per rispondere alle esigenze del mercato e stare al passo coi tempi. Quando la presenza in rete è ben studiata e supportata anche da valide strategie di inbound marketing, l’azienda può acquisire nuovi clienti ed aumentare il proprio fatturato grazie ad un numero maggiore di vendite.

Vero è che gli utenti del web non possono essere interessati ad ogni genere di prodotto o di servizio; per questo motivo ogni impresa deve trovare chi è realmente interessato alla sua offerta e trasformarlo in un potenziale nuovo cliente. Cosa vuol dire? Che un’azienda deve raccogliere tutte quelle informazioni utili sul potenziale cliente per conoscerlo meglio e qualificarlo, generare insomma lead di qualità e aumentare così le proprie vendite.

Lead qualificato: cosa significa?

Letteralmente LEAD significa cliente potenziale. Un lead qualificato è una persona interessata realmente all’acquisto di un prodotto o di un servizio offerto da un’azienda. Di questa persona interessata, l’azienda è riuscita a raccogliere alcune informazioni utili per “coltivareil contatto, accrescere il suo interesse nei confronti dell’offerta e trasformarlo in un cliente effettivo.

Le strategie di FUNNEL MARKETING consentono all’azienda di accompagnare il lead nelle varie fasi che precedono un probabile acquisto. Tramite tecniche e azioni di lead nurturing il potenziale cliente, che deve rispecchiare la buyer persona ideale dell’azienda, viene guidato passo dopo passo fino all’acquisto del prodotto o del servizio, trasformandosi così in cliente a tutti gli effetti.

Approfondisci: Lead generation

Come qualificare i potenziali clienti: strategie di lead nurturing

Se ti stai chiedendo come qualificare nella maniera più efficace i tuoi potenziali clienti o lead basta seguire alcuni semplici accorgimenti. Per prima cosa, nella fase di raccolta dati proponi dei form dinamici e veloci: ricorda che gli utenti del web non si soffermano per molto tempo a compilare un modulo. Più sei diretto e conciso, più hai la possibilità di raccogliere le informazioni che stai cercando.

Sempre a tal proposito, valuta bene le domande che andrai a sottoporre ai tuoi potenziali clienti: la tua squadra marketing dovrà avere a disposizione solo quei dati strettamente necessari per sviluppare poi strategie di qualificazione e contenuti interessanti, modellati sulle info raccolte.

Cerca di rimanere impresso nella mente dei tuoi potenziali clienti senza invadere il loro spazio. Come? Stuzzica poco per volta il loro interesse:

  • Dopo che il lead ha compilato il primo form, ringrazialo con una mail;
  • Nella mail allega un contenuto che può interessarlo o un coupon o entrambi;
  • Dopo qualche giorno, invia un’altra mail per fargli conoscere in maniera più approfondita il tuo sito internet;
  • Attendi ancora qualche giorno e invia, ad esempio, una nuova mail con contenuti di approfondimento sull’offerta che proponi

Queste strategie di lead nurturing possono essere espletate mediante un sistema automatizzato di e-mail o di messaggistica istantanea tramite i canali social.

Infine, ricorda che ogni potenziale cliente è a sé ed ha esigenze differenti rispetto ad un altro lead qualificato. Esiste il lead diffidente che è sì interessato alla tua proposta ma ha bisogno di una spinta maggiore per convincersi ad acquistare. E ci sono poi quei lead che sono da subito più propensi all’acquisto. Per ogni categoria di essi, il tuo team marketing dovrà sviluppare strategie e iter mirati.  

Il metodo BANT

Il metodo BANT è un sistema utilizzato dalle aziende per qualificare i lead. Ideato e applicato per la prima volta da IBM, il BANT serve a capire se un potenziale cliente acquisterà o meno il prodotto o il servizio messo a sua disposizione dall’azienda. Come? E’ molto semplice. BANT è un acronimo che sta per:

  • BUDGET
  • AUTHORITY
  • NEED
  • TIMELINE

Ciascuna delle quattro variabili viene presa in esame per valutare nello specifico:

  • l’effettivo potere d’acquisto del cliente;
  • se il cliente ha abbastanza autorevolezza e autonomia nel decidere l’acquisto;
  • i bisogni che il cliente soddisferà con l’acquisto di quel prodotto/servizio;
  • il tempo che il potenziale cliente impiegherà per effettuare l’acquisto

Per essere certi che il lead si trasformerà in cliente almeno tre criteri su quattro devono essere soddisfatti.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − 11 =