Quality Manager: chi è, cosa fa il responsabile di qualità

Il Quality Manager ha il compito di supervisionare il rispetto degli standard qualitativi di un’azienda, assicurandosi che tali parametri si mantengano su un livello elevato e che continuino a svilupparsi. Vediamo di dare una definizione più dettagliata della figura di Quality Manager. 

Continua a leggere l’articolo su Business Coaching Italia per scoprire di più.

La definizione di Quality Manager

Il Quality Manager o Responsabile della qualità, è una figura professionale a cui viene affidato il compito di gestire il sistema di qualità di un’azienda e di controllare l’attività dello stesso. 

Entrando nello specifico, il Quality Manager deve assicurarsi che l’insieme dei prodotti o dei servizi che un’azienda crea stia rispettando lo standard di qualità, partendo dalla fase di realizzazione fino alla erogazione o distribuzione. 

Può essere definita come una figura trasversale che possiede competenze di diversa natura per poter individuare e interpretare le richieste e le esigenze degli utenti. 

Fatto questo, creerà dei processi capaci di assicurare che il servizio o il prodotto siano in grado di soddisfare elevati e fondamentali standard di qualità. Nel prossimo paragrafo parleremo delle sue mansioni. 

Ti potrebbe interessare anche: Figure manageriali di un’azienda, i diversi tipi di manager

Le mansioni del Quality Manager

Le mansioni del Quality Manager sono le seguenti:

  • revisionare e redigere il piano di qualità di un’azienda;
  • analizzare le aspettative e le esigenze che il cliente finale manifesta verso un prodotto o un servizio;
  • definire il livello standard di un prodotto e di un processo, associando le specifiche di controllo qualità;
  • verificare se sono stati applicati e rispettati gli standard di qualità in ogni fase;
  • svolgere ispezioni all’interno di un’azienda;
  • registrare e poi analizzare i feedback del cliente sul prodotto o servizio;
  • verificare che fornitori e materie prime stanno rispettando i requisiti tecnici;
  • interfacciarsi con i vertici dell’azienda;
  • organizzare, gestire, coordinare e supervisionare il lavoro del team che si occupa del controllo qualità;
  • in base agli standard di qualità adottati dall’azienda, formare il personale.

Ma quali sono i requisiti del Quality Manager? Vediamolo di seguito. 

I requisiti che deve possedere il Quality Manager

Tutti i Quality Manager devono possedere i seguenti requisiti: 

  • conoscere in modo approfondito i sistemi per gestire la qualità;
  • possedere capacità di analisi;
  • conoscere quali sono gli standard qualitativi che uno specifico settore richiede;
  • conoscere le normative in vigore;
  • essere competente nelle procedure di ispezione e di controllo.

Le caratteristiche del Quality Manager

Oltre a quelle generali, ci sono anche caratteristiche a carattere soggettivo, che possono alla fine fare la differenza. Queste caratteristiche sono: 

  • capacità di leadership e di gestire un gruppo di lavoro;
  • capacità comunicative;
  • capacità di risolvere i problemi;
  • alta resistenza allo stress;
  • grande attenzione ai dettagli. 

Di seguito parleremo di come si diventa responsabile di qualità.

Come si diventa responsabile di qualità

Per diventare responsabile di qualità di un’azienda non è necessario aver intrapreso uno specifico percorso formativo, poiché non esiste uno specifico diploma o una laurea. Però, la maggior parte delle aziende cercano una figura che si sia laureata in discipline scientifiche o tecniche. 

Per collaborare con le imprese che operano nel settore chimico, agroalimentare, farmaceutico o similari, un Quality Manager deve possedere una laurea in Chimica, Biotecnologia o Farmacia. Invece, per il settore automotive o metalmeccanico, una laurea in Ingegneria. 

Come detto in precedenza, la tipologia di laurea conta poco, poiché di rilevante importanza è l’esperienza in uno specifico settore. 

Ovviamente vengono organizzati corsi di Quality Management da istituti di formazione a cui partecipare per diventare Quality Manager. 

Per svolgere al meglio le proprie mansioni, questa figura professionale deve conoscere alcune materie, ad esempio la certificazione ISO 9001, che è uno standard internazionale. 

Inoltre deve mostrare attitudini particolari, come l’attenzione ai dettagli e la capacità di risolvere problemi. 

Con queste soft skill, trovare lavoro in quest’ambito è abbastanza facile, vista l’enorme richiesta che arriva dalle grandi realtà produttive operanti in settori come quello alimentare, tessile, chimico e farmaceutico. 

Contenuti dell'articolo

Senti un limite alla crescita del tuo business?
SUPERALO con noi e ottieni l'azienda che hai sempre sognato!
Scopri come fare

Scopri il metodo BCI

Possiamo costruire un programma
di coaching su misura per la tua azienda

Possiamo costruire un programma di coaching su misura per la tua azienda

Abbiamo fondato il metodo sui principi dell’Autoefficacia perché offrono risultati concreti e scientificamente misurabili. Al coaching basato sull’Autoefficacia abbiamo unito la consulenza 1-1.

Ti potrebbe interessare anche...

Argomenti del BLOG