Quanto Costa un Dipendente?

Quando si parla di occupazione in Italia un leit-motiv che è rimasto invariato da anni è: quanto costa un dipendente al datore di lavoro. La risposta è che tra tasse e contributi previdenziali dei lavoratori costano all’azienda all’incirca al doppio del guadagno netto di un dipendente.

Quando Assumere Personale

Le situazioni che ti aiutano come imprenditore a capire se è il momento di assumere personale variano secondo e caratteristiche dell’azienda. Se parti da una realtà organizzativa familiare, o se già all’interno hai dei dipendenti. Ci sono alcune domande iniziali che ogni imprenditore si fa nel primo caso sono:

  • Riusciro a pagargli lo stipendio?
  • E se se vedo che non è brava cosa faccio?

Se invece sono presenti altri dipenenti e parliamo di piccole realtà economiche, una domanda che si pone l’imprenditore è:

  • Assumendo lui/lei ce la farò a pagare il mio di stipendio?

Per capire quando assumere è necessario definire gli obiettivi, principalmente di cosa hai bisogno, per valutare se hai tutte le risorse necessarie per raggiungere i risultati desiderati. Trovare una soluzione in questo istante, che vada bene nello specifico alla tua azienda non è fattibile, come si intuisce ogni caso va a sè.

Quanto Vale un Dipendete?

Per tornare alla questione che riguarda il dipendente e quanto questo “gravi” sulle finanze dell’imprenditore, il valore di un dipendente deve essere calcolato anche alla luce di diversi fattori, quali:

  • Il RAL (retribuzione annua lorda);
  • Gli oneri previdenziali;
  • Il TFR (trattamento fine rapporto);
  • La tredicesima e la quattordicesima;

Ma anche:

  • quanto costa luogo dove si svolgerà l’attività lavorativa, e anche il versamento mensile delle utenze;
  • il costo dell’attrezzatura di lavoro da dare ai propri dipendenti;
  • ed possibili rimborsi per trasferte.

Il cuneo fiscale e il costo di assunzione di un dipendente, sono due elementi fortemente legati tra di loro, quando ci si trova fronte alla decisione di aumentare o no l’organico aziendale. L’assunzione di un dipendente è un onere che non tutti possono sostenere. Per questo motivo, spesso si fa ricorso alla collaborazione esterna o ad altre forme di assunzione che, alla fine, però, non fanno che aumentare la precarietà.

Quanto Costa un Dipendente al Datore di Lavoro?

Sono stime che variano in base al tipo di contratto, ma che hanno ad ogni modo un rapporto “1:2” non troppo lontano dalla realtà, centesimo più centesimo meno. Essere a conoscenza e saper calcolare questo costo sul bilancio della propria attività è alla base di una gestione sana e attenta, in quanto è spesso una delle spese più consistenti per un’azienda.

Ogni risorsa e il relativo costo effettivo, è diverso da quello che si vede nella busta paga mensile del dipendente. Sono molte altre le voci che vanno a concorrere per arrivare allo stipendio:

il RAL, acronimo di retribuzione annua lorda, varia in base alla tipologia di contratto, sotto quale e inquadramento economico il lavoratore rientra. In pratica è la cifra che ogni anno un datore di lavoro paga per garantirsi le prestazioni lavorative di un suo dipendente. Sulla somma percepita il lavoratore dovrà pagare una considerevole parte di tasse, come per l’Irpef, cioè l’imposta sul reddito per le persone fisiche.

Un altro elemento che incide sul costo aziendale di un dipendente è il TFR ovvero il trattamento di fine rapporto. Il TFR maturato viene erogato dal datore di lavoro. L’ammontare del TFR che spetta al lavoratore è uguale alla somma, per ciascun anno di servizio, della retribuzione utile divisa per 13,5.

Alla fine per determinare quanto costa un dipendente occorre valutare quelle che sono molte le voci di spesa che l’azienda deve sostenere: contributi previdenziali,la tredicesima, la quattordicesima, il Tfr. Ma anche l’onere di corrispondere lo stipendio senza che ci sia l’opera del prestatore, cosa che accade durante le ferie, i permessi retribuiti o la malattia. A questi vanno aggiunte le spese che riguardano un consulente del lavoro che compili le buste paga.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 4 =