come valorizzare i dipendenti

Il cuore pulsante di un’azienda sono i suoi dipendenti, grazie al lavoro dei quali si possono raggiungere una serie di piccoli o grandi successi. Ma se i dipendenti non sono valorizzati nel modo giusto dal proprio superiore, questi di contro non renderanno, in termini qualitativi, un lavoro efficiente.

Immaginiamo per un momento di lavorare in un ambiente in cui non siamo stimolati a fare del nostro meglio, in cui non siamo apprezzati come si deve per i risultati che apportiamo e in cui non vediamo alcuna possibilità di crescita non soltanto lavorativa ma anche personale. In un contesto lavorativo come quello appena descritto, chiunque tenterebbe di fuggire a gambe levate alla prima occasione buona.

Non sentirsi apprezzati per il lavoro svolto quotidianamente può risultare estremamente frustrante ed avere delle ripercussioni psicologiche serie, soprattutto sulle persone più fragili.

Inoltre, una realtà lavorativa poco entusiasmante o, peggio ancora, in cui le risorse sono sottostimate, sia sotto il profilo umano che sotto il profilo professionale, risulterà senza dubbi, nel breve o lungo corso, un danno alla stessa azienda che inevitabilmente perderà i suoi dipendenti.

Per scongiurare tutto ciò, esistono delle tecniche di employee retention, cioè degli accorgimenti, anche abbastanza intuitivi in alcuni casi, per creare uno spazio di lavoro stimolante e per esaltare nella misura giusta i dipendenti e il loro impegno quotidiano. Vediamo assieme queste semplici strategie di valorizzazione.

Concedi ai dipendenti salario e benefits gratificanti

Una strategia vecchia quanto il mondo ma che non tutti gli employer mettono in atto in maniera consona. Ripagare un dipendente con uno stipendio proporzionato al suo lavoro oppure concedergli dei benefici, come un premio in busta paga o l’auto aziendale o un’assicurazione sulla vita è la base di partenza di una buona strategia di employee retention.

Si tratta di conferire il giusto riconoscimento, in termini economici ma non solo, per il lavoro svolto dal dipendente e farlo sentire così apprezzato per ciò che ha apportato all’azienda col suo impegno ogni giorno.

Approfondisci: Gratifiche ai dipendenti

Garantisci sempre la formazione e la crescita personale e professionale

Abbiamo detto precedentemente che uno spazio lavorativo che non offre prospettive di crescita, non solo alle risorse più giovani ma anche a quelle impiegate da maggior tempo, presto o tardi vedrà i dipendenti andare via. Garantire una formazione assidua del personale ed uno stimolo costante alla crescita umana e professionale è una valida tecnica per far sì che i dipendenti si sentano presi in considerazione e valorizzati nel modo giusto.

Il mondo della formazione e del coaching oggi offre differenti strumenti e metodologie per dar modo ai dipendenti di specializzarsi professionalmente e di apprendere nuove conoscenze utili non solo al lavoro che svolgono ma, più in generale, anche alla vita al di fuori dell’ufficio.

Approfondisci: Come organizzare la formazione in azienda

Crea un ambiente di lavoro familiare

Tra le tecniche più efficaci di employee retention e che coinvolgono maggiormente i dipendenti di una realtà aziendale c’è quella di creare un’atmosfera distesa a lavoro. Quando un dipendente opera in un ambiente che sente familiare, con persone affini al suo modo di essere e ai suoi principi, dove vige una sana competizione e dove si gioisce per i successi dei colleghi perché sono successi condivisi, allora il lavoratore è stimolato a lavorare bene e a dare il meglio di sé ogni giorno.

E’ fondamentale che ogni risorsa quando è a lavoro percepisca la sensazione di essere a casa, nel senso di sentirsi a proprio agio con persone che lo apprezzino veramente, per ciò che fa ma anche per quello che è. Dopotutto, ogni lavoratore passa gran parte delle sue giornate a stretto contatto con colleghi e superiori. Andare d’accordo con tutti è improbabile ma non impossibile; in caso contrario, essere circondati da un clima disteso e accogliente è già un gran risultato.

Premia il talento e i successi dei tuoi dipendenti

Quanto può essere gratificante per un dipendente essere ringraziato per un progetto ben riuscito o per un lavoro andato in porto? Il talento va sempre premiato e ogni successo lavorativo di un dipendente va esaltato nella misura giusta affinché quel dipendente sia motivato a fare sempre del suo meglio.

Riconoscere un successo non significa solo premiare il dipendente con più soldi; vuol dire anche farlo sentire apprezzato magari con una lettera di ringraziamento oppure, ad esempio, coinvolgerlo in un nuovo stimolante progetto di valore, importante per la sua carriera all’interno dell’azienda.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto − sei =